Sisma, albergo spazzato via da slavina: quattro vittime | Sky TG24 | Live Blog

Sisma, albergo spazzato via da slavina: quattro vittime

  • Quattro morti e decine di dispersi. E' questo il bilancio della valanga che ieri, dopo il terremoto, ha investito l’hotel Rigopiano di Farindola, sulle pendici del Gran sasso. Si teme però, che il bilancio sia provvisorio. Tre corpi delle vittime sono già stati recuperati, il quarto al momento è stato solo individuato.


    Le speranze si riducono - "Le speranze di trovare persone in vita si riducono di ora in ora. In questo momento mi sento solo di abbracciare i familiari dei dispersi". Così il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, dopo essere stato per diverse ore nella zona dell'albergo. "E' uno scenario tragico, c'è una grandissima frana che si è staccata dai 2.400 metri del monte Siella".(L'INTERNO DELL'HOTEL: VIDEO).



    Decine di dispersi - Tra i dispersi, ospiti dell'hotel, una famiglia di Osimo con un bimbo, una coppia di Castignano (Ascoli Piceno), un 25/enne di Macerata con la fidanzata e un ternano di 33 anni


    Aperta inchiesta - La Procura di Pescara ha aperto un'indagine. L'ipotesi al vaglio del pm Andrea Papalia, per il momento, è omicidio colposo.



    Dalla slavina ai soccorsi - Secondo le prime ricostruzioni gli ospiti dell'albergo ieri a fine mattinata avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena fosse arrivato lo spazzaneve, che attendevano per le 15.00, ma l'arrivo è stato posticipato alle 19.00 e a quel punto è piombata la slavina. L'allarme era stato dato subito dopo via WhatsApp da uno dei superstiti: 'albergo sommerso dalla neve'. Per raggiungere il resort a quattro stelle di Farindola, in provincia di Pescara, a quota 1.200 metri, il Soccorso Alpino, il primo ad arrivare alle quattro del mattino, ha dovuto usare gli sci. Impossibile invece procedere, fino alla tarda mattinata, per i mezzi che si sono trovati la strada sbarrata da altre valanghe e alberi caduti. L'Hotel Rigopiano è stato completamente sommerso dalla neve e dagli alberi trascinati dalla valanga. La massa di neve e detriti ha investito in pieno la struttura da monte, lasciando scoperta soltanto una piccola parte verso valle, da dove sono entrati i soccorritori.

    La testimonianza - "Sono salvo perché ero andato a prendere una cosa in automobile, mia moglie e i miei figli sono sotto le macerie", ha riferito ai medici Giampaolo Parete, 38 anni, che ieri ha lanciato l'allarme per la valanga che ha travolto l'hotel e che è tra le due persone portate poi in salvo.

  •  
    da Redazione Sky TG24 modificato da Redazione Sky TG24 1/19/2017 1:18:49 PM
Offerto da ScribbleLive Content Marketing Software Platform